Cultura e società

I peggiori piatti di Natale

Dall’aspic all’insalata russa: tutti i cibi di cui faremo volentieri a meno

Martina Roncadi | 21.12.2023 | 3 minuti

Chi è Zupppa?

Zupppa è un blog dedicato alla comunicazione nel mondo food & beverage.
Le parole, i volti, le scelte e le scommesse del settore più amato dagli italiani

Ultimi Articoli

"Da Nord a Sud è un proliferare di piatti sempre uguali che, ogni anno, vengono riproposti. E per quanto possa piacere l’idea di continuare a mantenere vive certe usanze, magari ogni tanto si potrebbe cambiare qualcosa. O no?"

Tavola di Natale

È sempre la stessa storia: si va dalla nonna, da mamma e papà o dagli zii per il pranzo di Natale? E se rimangono gli avanzi, cosa si fa, si finiscono il 26?
Le famiglie italiane, nonostante il passare del tempo, continuano a onorare le tradizioni delle feste ma, siamo onesti: da Nord a Sud è un proliferare di piatti sempre uguali che, ogni anno, vengono riproposti. E per quanto possa piacere l’idea di continuare a mantenere vive certe usanze, magari ogni tanto si potrebbe cambiare qualcosa. O no?
Da qui nasce l’idea di provare a stilare alcuni dei peggiori piatti presentati a Natale.
Tutti gli anni. In tutta Italia. Su tutte le tavole. E di cui faremo volentieri a meno.

Aspic di Natale

Tartine con caviale

Sono il grande classico della Vigilia di Natale: pane bianco sulla cui superficie fanno capolino formaggio fresco e caviale. O salmone e caviale. O burro e caviale. O solo caviale. Insomma, come lo giri lo giri, è sempre la stessa storia. Sembra che, durante le festività, non si possa fare a meno del caviale. Ma non è così.


Tramezzini

I tramezzini. Alzi la mano chi non ama i tramezzini. La base è la stessa delle tartine al caviale, il plus però è la possibilità di farcirli con quello che più ci piace: salumi, pesce, verdura, uova. I tramezzini sono ideali da mangiare in qualsiasi momento della giornata, sia come spuntino “spezza-fame” che per un pranzo veloce. Accontentano davvero tutti i palati. Almeno a Natale, possiamo lasciarli nelle vetrine dei bar?

Ti sta piacendo l'articolo?

Iscriviti alla newsletter per non perdertene neanche uno!

Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati da parte di GRECO di Greco Gabriele & C. S.a.s., che potrà contattarti via email o telefonicamente sino a esplicita richiesta contraria.

GRECO di Greco Gabriele & C. S.a.s. è l'unico titolare e responsabile del trattamento dei dati.

Aspic di Natale

Poi c’è Lui, l’aspic: un piatto a base di gelatina, dolce o salato, ripieno di carne o pesce, verdura, frutta. Non si sa esattamente a chi piaccia, ormai il suo scopo è prettamente scenografico, ma continua imperterrito a essere preparato da coloro che desiderano rispettare, a tutti i costi, tradizioni ormai obsolete.


Cocktail di gamberi

Un grande classico anni Ottanta: il cocktail di gamberi. Ancora oggi, nonostante il passare delle mode, viene considerato un antipasto longevo e accattivante. Certo è che, con tutta quella salsa cocktail - un condimento a base di maionese e ketchup, ndr- non aiuta di certo a “sgrassare”. Per non parlare poi delle coppette in cui viene servito: chiamate tutte le nonne del mondo e chiedete loro di spolverare subito la credenza! Il tocco finale? La foglia di lattuga che crea contrasto con il sovrastare del colore salmonato della salsa.


Insalata russa

Maionese, maionese e ancora maionese, è questo l’immancabile ingrediente di cui proprio non possiamo fare a meno a Natale. Che sia nei tramezzini, piuttosto che nel cocktail di gamberi, o nell’insalata russa appunto, la maionese è ovunque. In questo caso, serve a rivestire piselli, carote, patate, sottaceti e uova sode. Il colesterolo? Alle stelle!


Tronchetto di Natale

Chiudiamo in dolcezza con il tronchetto di Natale, il “sempreverde” delle festività. Composto da una soffice pasta biscotto e farcito con panna al cioccolato, deve il suo nome alla forma e alle sembianze di un vero e proprio ceppo. È un dessert tipico della tradizione natalizia, ma una domanda sorge spontanea: non si può cambiare dolce ogni tanto?

Tronchetto di Natale

Ad ogni modo, il Natale in Italia si sa: è una cosa seria. E non importa con quante persone ci si ritrovi a festeggiarlo, cosa si decida di mangiare e se le tradizioni verranno rispettate o meno.

Natale significa famiglia. Ed è importante condividere, con le persone amate, la piacevolezza dello stare insieme, anche a tavola. Con o senza aspic.


BUONE FESTE dallo staff di Zupppa

Martina Roncadi

Laureata in Scienze della Comunicazione, ha seguito diversi corsi di specializzazione alla Scuola Holden di Torino tra cui “Food – Design dell’esperienza gastronomica”, grazie al quale si è accesa la miccia per la scrittura nel panorama enogastronomico. Amante dei viaggi, della buona tavola e della musica indie, il suo segno zodiacale è Ariete. Si consiglia pertanto di non farla arrabbiare. Fanatica dello sport, è campionessa olimpica di junk food e di coccole al suo gatto, Giorgio.